Martina Diana e l’Under 14 imbattuta: “Ci rifaremo l’anno prossimo”

Under 14

Volete sapere com’è una squadra che chiude la stagione imbattuta?
“Affiatata, agguerrita e unica”.
Ce lo assicura Martina Diana la capitana dell’Under 14 da 10 e lode. Dieci le gare di campionato disputate e altrettante vinte, trenta e set conquistati senza perderne. Un’annata perfetta arricchita dalla bella esperienza in Terza divisione con la giovane squadra al terzo posto.
Come avete raggiunto questi risultati?
“Ci ha aiutate – spiega Martina – la buona partenza, già nel torneo a Segrate. C’è stata subito un’intesa con tutto il gruppo, tra chi era già presente e chi si è unito quest’anno”.
Non avete potuto terminare la stagione, ora che traguardi vi ponete?
“Per fortuna le squadre l’anno prossimo potranno essere le stesse di questa stagione. Vogliamo arrivare fino alla fine del campionato e dimostrare il nostro valore. Anche disputare i playoff in Terza divisione era un traguardo, ci riproveremo”.
Al di là dei valori tecnici, com’era il gruppo?
“Un bel gruppo, in cui ci aiutavamo a vicenda, sia in campo che fuori dalla palestra”.
Quali sono stati i momenti difficili della stagione?
“Con l’Under 14 non ci siamo espresse come volevamo durante le prime gare al torneo di Modena. Diverso il discorso in Terza, con squadre più esperte di noi, che giocavano colpi furbi. In quel caso dovevamo dare sempre il massimo per compensare la differenza d’esperienza”.
Come ci si trova ad essere capitano di questa squadra?
“E’ una bella responsabilità! Devo mantenere la calma e aiutare le compagne a dare il massimo. A volte non ci sono riuscita, mi è mancata l’esperienza per certe situazioni. Ma sono certe di poter fare meglio”.
Tu, come giocatrice, che obiettivi ti poni?
“Il mio sogno? Arrivare in prima squadra a Crema per poi provare a salire più in alto possibile e naturalmente la speranza è la serie A. Vorrei seguire l’esempio di Britt Herbots, la schiacciatrice di Busto Arsizio mi piace sia per il gioco che per il carattere con cui affronta ogni azione”.